Alan Marangoni: The Lion Hunt

COLORADO SPRINGS: The Lion Hunt

Colorado, August 2014

It certainly cannot be said that this American trip is giving great satisfaction. At the Tour of Utah Bennett brought home a decent ranking and I made two minor placings in the sprints. Here in Colorado we are with Viviani: things are getting better, but…

On the first stage in the circuit in Aspen we tried to keep the race closed for Elia, pulling from the start, but the first real push made us “explode.” The first two stages were a hard ordeal for everyone. (By the way the week of resting, between races, I got sick: I have mild bronchitis and I struggle to breathe well… as if that is not enough, we are at nearly 2,500 meters, where the air is thin. In other words, there is less oxygen!)

Today the course runs on a circuit of Colorado Springs, 28 km to be repeated four times. After a few moments of the race, the escape is already gone: they are a dozen. There is no one in it from our team, it promises another defeat. In front on the attack is Jens Voigt, in great shape. The Tour of Colorado has always been his to attack and Sunday in Denver will close his long career.

The BMC leaders are at the head of the peloton, not pushing too hard: enough to control the race without going too close on the fugitives, which soon exceed the three-minute lead. None of those in front  worry too much for their leader Van Garderen. On paper, today’s hopes of being able to keep the race stitched to win the sprint with Elia are at rock bottom. The circuit is not flat and, as stated before the start, we are not going to carry the group around as in Aspen. We fell in the first attack.

But then it happens, that which we did not expect. The Optum team starts pulling strongly on the front. They have no one in the break and they want to “make” the race. We only watch for now (we will move in the last lap.)

The race proceeds: intense but regular. I pull harder on the road, I suffer a lot. My breath is shallow from breathing hard, trying to let in as much air as possible through my mouth, but my lungs are clogged and I can feel my chest hurt. I have never known death but sometimes I feel I cannot be far away.

Now the fugitives are within range, we are just over one lap to the finish. The Garmin-Sharp team is handling the chase. At this point we work to put Salerno and King in the lead. Bell of the last lap, Elia helps to gain some positions, to take the attack as far forward as possible. If we do not “jump” too soon this time then we can play.

A curve to the right, then left, and we take the fugitives just before the ramp, but one is missing… the old Jens, his name painted all over the road. He has stolen away all alone, heading to the finish line. Here we are in front, now we launch violent attacks but the pace is fast and the group splits in two. I’m on the edge. I feel the pain in my chest and my head is spinning. “Scolliniamo” the first piece, the most challenging, I am safe, Elia is next to me, he says it’s time to “lead.” I take advantage of a slowdown and take the lead to pull. Wurf is on my wheel, but after a few meters takes off. I stay alone, our other companions fall away “And now how are going to take that mutt ?!” I feel my legs full of lactic acid but I can not give up now, if I jump over. I can throw a good party without asking anyone for help. Dekker of Garmin gives me a few changes and then disappears. Meanwhile, however, I managed to crown a breath of fresh air. I try to do another section of gentle climbing, as hard as possible to try to nibble a few seconds until they get other riders to lend a hand.

I think of Jens, who he is to be able to push on those pedals. Jens: anarchist who rebels against his destiny, the group, with obvious results. He who has built a career on these actions, daring from a distance, and that this Colorado race for him, close to 43 years old, will close his amazing career after 17 seasons as a pro. A real “Highlander” of cycling. I can only try to imagine his fury racing at this moment, the adrenaline that flows in the veins to rivers, the exaggerated desire to close with a triumph that in a few days he will never make again. Who knows maybe his “hunger” is superior to mine, or maybe not. All I know is that I’m chasing desperately to try to make sense of a race so far made only of setbacks for our team. Old Jens has a powerful engine, built over time with thousands of kilometers covered on the attack. Like living steel, a class of its kind, with many springs behind but often capable of challenging riders who could be his children. To believe that I can go alone to close on him is madness, even though I gnawed away something, the advantage is still holding at a minute. Fortunately there are still some ten kilometers to the finish.

I’m about to give up hope when in front of me comes a rider from the Hincapie team. It would take more to appease the fury of the German but it is better than nothing. Suddenly, however, I cannot breathe: clogged nose and bronchitis are limiting me. I need to step back for a moment to recover some strength. I am soon on the back of the group, in a sudden descent, turn to remount a climb again and I find Wurf following me. Together back in the lead. Now to mark the passage there are three others with us. Eventually we start to think: “In a long straight we start to see the German, the advantage swings on 40/50 .” But now we are doing a higher speed, and we can gain a lot. There are only 3 km left. He is within range but does not give up, he, like a wounded lion that runs away from a group of hunters who continue to shoot from close range. Now to join the hunters others arrive. I’m around the tenth position but now I have given everything. Fifteen hundred meters: on a light stretch I use the last rounds of my firepower. Gain a few meters and then move. The group is launching for the sprint, the “beast” is now doomed. I’m turning off and arrive at a crawl: I’m exhausted. I just hope now Elia has placed the winning shot. In the street I see Jens high fiving the audience that acclaimed him on the roadside. What a gentleman! Instead of being angry at seeing the blur the victory pass him in 800 meters from arrival after a full day attack, he is happy, and just wants to thank the people who supported him up to that point. I discover that while Elia won, ( and of course, I’m happy, a deserved win!) the real winner, is Jens, the gladiator who today has inflamed the arena and deserved all the applause and in only a few days will say goodbye forever to the races. I realize that he was just one of many days that he pulled to go and get it and lost only after being sensational. For a moment I feel a slight bit of disappointment but today had to go well, we needed this win as we need oxygen (which is missing here.) I feel only deep admiration for him. 17 years of racing as a real fighter, always with a smile, the enthusiasm of the boy who has nothing to lose, he tests, jumps, as if there were no tomorrow, today more than ever. A “boy” who gave birth to six children, and that makes you think “but how will that age with a family so large maintain this level?” Simple: he never saw the bicycle as a burden or a job, just as a fun, a great passion, a dream. Always with his style “to the best”. He would suit the song “My Way” by Frank Sinatra: “I have lived a full life, I traveled on all roads. But more. Much more than that. I did it my way …

Sunday for him the curtain will close once and for all.

Ladies and gentlemen, all standing for the Highlander Jens … bright eyes … applause …

 

Words: Alan Marangoni

Image: Graham Watson

Translated from Italian: Original below

 

Non si può certo dire che fino ad ora la trasferta americana ci stia regalando grandi soddisfazioni. Al Tour of Utah Bennett ha portato in casa una discreta classifica e io ho fatto due piccoli piazzamenti in volata. Qui in Colorado è arrivato Viviani ma le cose non stanno andando meglio, anzi…

Nella prima tappa sul circuito di Aspen abbiamo provato a tenere chiusa la corsa per Elia tirando sin dall’inizio ma al primo vero affondo ci hanno fatto “esplodere”. Le due tappe successive sono state un mezzo calvario per tutti quanti, io tra l’altro nella settimana di riposo mi sono ammalato, ho una mezza bronchite e fatico a respirare bene…come se non fosse abbastanza correre sempre a quasi 2500 metri, dove l’aria è più rarefatta, dove, in parole povere, c’è meno ossigeno!

Oggi si corre sul circuito di Colorado Spring, 28 km da ripetere 4 volte.

Dopo pochi istanti di gara la fuga è già andata, sono una dozzina. Di noi non c’è nessuno, si preannuncia un’altra disfatta… Davanti c’è anche Jens Voigt, è in grandissima forma, al Tour of Utah è sempre stato all’attacco e domenica a Denver chiuderà la sua lunghissima carriera.

La BMC conduce in testa senza spingere a fondo, gli basta controllare la corsa senza andare a chiudere sui fuggitivi che in breve tempo hanno superato i tre minuti di vantaggio, nessuno di quelli davanti può minimamente impensierire il loro leader Van Garderen. Sulla carta, anche oggi le speranze di riuscire a tenere cucita la corsa per vincere in volata con Elia sono ridotte ai minimi termini. Il circuito non è piatto e, come stabilito prima del via, noi non abbiamo intenzione di portare in giro il gruppo come ad Aspen per poi crollare al primo attacco. Succede però quello che non ci aspettavamo. La OPTUM inizia a tirare con convinzione in testa al gruppo, probabilmente anche loro non hanno nessuno davanti e vogliono provare a “fare” la corsa. Noi per adesso stiamo a guardare, poi all’ultimo giro faremo i conti..

La corsa procede intensa ma regolare, sullo strappo più duro del percorso soffro non poco. Dal naso non riesco praticamente a respirare, cerco di fare entrare più aria possibile dalla bocca ma anche i bronchi sono intasati e sento il petto farmi male, io non ho mai conosciuto la morte ma a tratti ho la sensazione di non esserci lontanissimo….

Ora i fuggitivi sono a tiro, manca poco più di un giro alla fine e anche la Garmin sta gestendo l’inseguimento, a questo punto noi mettiamo a collaborare in testa al gruppo Salerno e King. Campana dell’ultimo giro, aiuto Elia a guadagnare un po’ di posizioni per prendere lo strappo il più avanti possibile. Se non ci fanno “saltare” questa volta c’è la possiamo giocare.

Curva a destra, poi a sinistra, prendiamo i fuggitivi poco prima della rampa, ma ne manca uno all’appello…il vecchio Jens ha piantato tutti per strada e si è involato tutto solo verso il traguardo. Eccoci, siamo davanti, nessuno sferra attacchi violenti ma il ritmo è elevato e il gruppo si spezza in due. Io sono al limite, sento il petto che mi scoppia e mi gira la testa. “Scolliniamo” il primo pezzo, quello più impegnativo, sono salvo, Elia è di fianco a me, dice che è ora di “menare”. Approfitto di un rallentamento per passare in testa a tirare, Wurf si mette alla mia ruota ma dopo pochi metri si sfila, rimango da solo, gli altri nostri compagni si sono staccati. “E adesso chi lo va a prendere quel cagnaccio?!”. Sento le gambe piene di acido lattico ma non posso mollare adesso, se salto anch’io è finita. Tiro una buona parte senza chiedere aiuto a nessuno, poi Dekker della Garmin riesce a darmi un paio cambi per poi sparire. Intanto però sono riuscito a tiare una boccata d’ossigeno. Cerco di fare un’altro pezzo di leggera salita il più forte possibile per cercare di rosicchiare qualche secondo in attesa che arrivino altri corridori a dare una mano. Penso a Jens, a quanto starà spingendo sui quei pedali. Jens l’anarchico che si ribella al destino, al gruppo, agli esiti scontati. Quello che ha costruito una carriera su queste azioni da lontano e che in questo Colorado chiuderà a 43 anni la sua stupenda carriera dopo 17 stagioni da pro. Un vero e proprio “Highlander” del ciclismo. Posso solo provare ad immaginare la sua foga agonistica in questi istanti, l’adrenalina che gli scorre nella vene a fiumi, la voglia esagerata di chiudere con un trionfo quello che tra pochissimi giorni non farà mai più. Chissà forse la sua “fame” è superiore alla mia, o forse no. Io so solo che sto inseguendo alla disperata per provare a dare senso a una corsa fino ad oggi fatta di sole batoste per la nostra squadra. Il vecchio Jens ha un “motore” potente, costruito nel tempo con migliaia di chilometri fatti in fuga o a tirare il gruppo. Un fisico inossidabile, un fuoriclasse nel suo genere, con tante primavere alle spalle ma capace di dare spesso filo da torcere a tanti corridori che potrebbero essere suoi figli. Credere che io da solo possa andare a chiudere su di lui è pura follia, anche se gli ho rosicchiato qualcosa il vantaggio è comunque a cavallo del minuto. Per fortuna mancano ancora una decina di chilometri al traguardo. Sto quasi per perdere le speranze quando vedo arrivare davanti a me un corridore della Hincapie. Ce ne vorrebbero altri per placare la furia tedesca ma è meglio che niente. A un tratto però mi manca l’aria, il naso e i bronchi intasati mi stanno limitando parecchio, sono talmente a tutta che ho bisogno di indietreggiare qualche posizione per riprendermi un attimo. Mi trovo ben presto in fondo al gruppo poi, in un tratto di discesa rimonto nuovamente e trovo Wurf che mi segue. Insieme ritorniamo in testa. Adesso a scandire il passo ci sono altri tre corridori. Finalmente si comincia a ragionare! In un lungo rettilineo iniziamo a vedere il tedesco, il vantaggio oscilla sui 40/50″ ma adesso stiamo facendo una velocità più alta e riusciamo a guadagnare parecchio. Mancano ormai 3 km, è a tiro ma non si arrende, sembra un leone ferito che fugge da un gruppo di cacciatori che continuano a sparare da breve distanza. Adesso a “sparare” ne sono arrivati altri, io sono intorno alla decima posizione ma ormai ho dato tutto. Ai millecinquecento metri, però su un leggero strappetto mi porto al comando per scaricare l’ultima cartuccia. Guadagno ancora qualche metro per poi spostarmi. Il gruppo si sta lanciando per la volata, la “bestia” ormai è spacciata. Mi stacco e vado all’arrivo a passo d’uomo, sono esausto, adesso spero solo che Elia abbia piazzato il colpo vincente. Per la strada trovo Jens che si è rialzato ed è impegnato a dare il cinque al pubblico che lo acclama a bordo strada. Che signore! Invece che essere arrabbiato per aver visto sfumare la vittoria a 800 metri dall’arrivo dopo una gara intera all’attacco, è felice, e ha solo voglia di ringraziare la gente che lo ha sostenuto fino a quel punto. Scopro intanto che Elia ha vinto, sono davvero felice, ce la siamo meritata alla grande! Il vero vincitore però è Jens, il gladiatore che oggi ha infiammato l’arena meritando tutti gli applausi e che tra pochi giorni dirà addio per sempre alle corse. Mi rendo conto di essere stato solo uno dei tanti che ha tirato per andare a prenderlo e di non aver fatto fondamentalmente niente di eclatante. Per un attimo provo una leggerissima punta di dispiacere ma oggi doveva andare così, noi avevamo bisogno di questa vittoria come dell’ossigeno (che qua manca!). Per lui provo solo profonda ammirazione. 17 anni di gare da vero lottatore, sempre col sorriso sulle labbra, l’entusiasmo del ragazzino che non ha niente da perdere, che ci prova, si butta, come se non ci fosse un domani, oggi più che mai. Un “ragazzino” che ha messo al mondo sei figli e che ti fa pensare “ma come farà a quell’età con una famiglia così allargata a stare ancora a questi livelli?” Semplice, non ha mai visto la bici come un peso o un lavoro, solo come un divertimento, una grandissima passione, un sogno. Sempre con il suo stile “alla buona”. Farebbe al caso suo la canzone “My way” di Frank Sinatra: “ho vissuto una vita piena, ho viaggiato su tutte le strade. Ma più. Molto più di questo. L’ho fatto alla mia maniera…”

Domenica per lui il sipario si chiuderà una volta per tutte.

Signori e signore tutti in piedi per l’Highlander Jens…occhi lucidi…applausi scroscianti…